Noi, uomini veri

Lo scaricabarile dei calciatori italiani, al solito, è iniziato subito dopo la partita con l'Uruguay. Chiellini ha provato a buttare la croce sull'arbitro, ma visto che stavolta l'espediente preferito da tutti gli uomini di calcio italiani non ha funzionato, i compagni, i senatori, hanno deciso di attaccare pubblicamente Balotelli, in modo da indirizzare su di lui tutte le critiche e consentire agli altri di passare delle spensierate vacanze.
Inizia Buffon:
Ci vuole serenità di giudizio e correttezza, onestà da parte di tutti perché spesso sentiamo parlare di ricambi, di gente vecchia, e poi alla fine a tirare la carretta sono sempre i Barzagli, Buffon, Chiellini, De Rossi e Pirlo. Ci vuole un po’ di rispetto, premiando e dando meriti giusti a chi si guadagna sul campo ciò, e non per sentito dire. Perché poi in campo bisogna fare, non altro.
Non si capisce di quale carretta parli Buffon, visto che la squadra è rimasta ben ferma per due partite su tre. Forse la carretta è questa:

681725-abbandonato-un-vecchio-carro.jpg

Se il massimo impegno profuso dai senatori ha portato a quello che abbiamo visto, è ora che questi appendano le scarpe al chiodo. I meriti faccio fatica a trovarli, di ricambi ne ho visti pochi, se non Darmian, che è uno dei pochi a salvarsi. Parliamo ancora dei meriti (fortuna sfacciata, rigore regalato contro l'Australia al termine di una partita insulsa) del 2006?

Segue De Rossi:

Non dobbiamo cercare alibi anche se ci sono state certamente delle componenti che hanno condizionato il risultato contro l’Uruguay. Dobbiamo ricordarci bene tutto però, e ripartire da uomini veri, non dalle figurine o dai personaggi. Questi non servono alla Nazionale. Le parole di Buffon? Le sottoscrivo in pieno e non perché mi ha messo tra quelli della vecchia guardia: noi incarniamo lo spirito giusto e noi ci mettiamo sempre la faccia. Chi non ha la stessa passione e lo stesso impegno può restare a casa.
De Rossi ci prova, citando delle componenti non meglio identificate che avrebbero condizionato la partita: il solito e gettonatissimo caldo? L'arbitro che, ad essere sinceri, forse non assegna un rigore in favore dell'Uruguay? O forse il problema dei calciatori sono le tifose provocanti in tribuna? Cazzo mister, faccia espellere quella bionda in tribuna, ha visto che tette che ha?
Il centrocampista passa poi al duro monito, bisogna ricordarsi tutto e ripartire. Se si riferisce alla figuraccia appena fatta, evidentemente ha già dimenticato le oscene prestazioni di Sudafrica 2010, memoria corta. Tranquillo Daniele, il tempo di arrivare in Italia, scendere dall'aereo, sdraiarti al sole e avrai dimenticato anche questo mondiale, in cui per inciso hai giocato due partite da 4 in pagella.
Sullo spirito giusto incarnato dai senatori ribadisco quanto detto prima: se questo è il massimo che possono fare, a livello tecnico e caratteriale (o spirituale) cambiassero sport. Le bocce vanno di moda in questo momento. Mister, le bocce della bionda? NO!
Arriviamo infine alle figurine, ai personaggi. Ricordo che De Rossi è questo:

de-rossi-fianco.jpg

C_3_Media_1513091_immagine_ts673_400.jpg

daniele de rossi tattoos-03 tattoosphotogallery.blogspot.com.jpg

I tatuaggi da mentecatto che si è fatto fare fanno di lui una figurina oscena. Una figurina che all'età di Balotelli decise di tentare di farci eliminare dal mondiale 2006 con questo gesto da vero uomo:

de-rossi-espulsione.jpg

Uomini così non ne fanno più, d'altronde lui è cresciuto all'ombra del grande uomo Totti, che, tra le tante vaccate fatte in carriera, ricorderemo sempre per lo sputo a Poulsen e il calcio in testa proprio a Balotelli.

In queste dichiarazioni di Buffon e De Rossi ci sono due aspetti contrastanti: la stupidità e la furbizia.
Stupidità perché era inutile buttare la croce su Balotelli, giornalisti e opinione pubblica lo avrebbero fatto comunque, lasciando stare i senatori.
La furbizia risiede nel fatto che, apparentemente, loro si assumono delle responsabilità per la figuraccia, mentre in realtà se ne lavano completamente le mani. Nessuno dei due dice ho sbagliato sul gol preso con Costa Rica, né ho giocato due partite indecorose, poi per fortuna mi sono fatto male. Noi veri uomini siamo fragili.
Il vero uomo Buffon, quello che lascia a casa moglie e figli per andare a trombare con la D'Amico, lui sì è un maestro di vita, un esempio dentro e fuori dal campo. Davvero.

Andate a lavorare.