La fine della strada

barthDopo la delusione di Dead City il libro di Barth cade a pennello: una storia surreale e, per lunghi tratti grottesca, che riesce in poche pagine a descrivere la follia umana.

I tre protagonisti danno luogo al più assurdo triangolo amoroso (parola che vi assicuro non è nemmeno lontanamente adatta a descrivere il loro rapporto) che si possa immaginare. Incredibilmente aridi, seppur per motivi differenti uno dall’altro, i tre incarnano molto bene tutta la disperazione e l’alienazione dell’uomo moderno. Il personaggio principale, Jacob Horner, ne è il più fulgido esempio: apparentemente pronto a fronteggiare ogni situazione con brillantezza, soffre di un disturbo che letteralmente lo immobilizza improvvisamente. Da questo immobilismo nasce una vera e propria digressione, mai pesante o scolastica, sul significato e sull’importanza delle scelte che un uomo si vede costretto a compiere. L’altra figura maschile, Joe Morgan, è un esempio di realismo estremo, che porta l’uomo a vivere in maniera asettica e, paradossalmente, irrazionale. Eppure anche lui, invischiato in un immobilismo del tutto differente da quello di Jacob, subisce gli eventi. Sarebbe il momento giusto di mettersi in discussione, ma il buon Joe non ne è capace e si aggrappa con tutte le forze al suo razionalismo freddo ma estremamente rassicurante.

C’è infine la figura femminile, Rennie, che in un certo senso incarna la concezione antica della donna: dimessa, quasi sottomessa al marito (Joe) di cui asseconda tutte le stranezze fino ad arrivare ad ergerlo a vero e proprio Dio. Il suo tradimento avviene in maniera inspiegabile, quasi per caso, e riporta al centro dell’attenzione il tema della scelta. Ha deciso di tradire o si è ribellata inconsciamente al suo deus ex machina? Il post tradimento rivela tutto il lato oscuro del rapporto con il marito e per lei il percorso di espiazione per giungere alla comprensione sarà ancor più doloroso che per gli uomini.

Non è un caso che questo libro sia stato pubblicato nel 1958: con il senno di poi possiamo affermare che inquadra tutto il disagio sociale che troverà poi sfogo (parziale) negli anni Sessanta. Ciò non toglie che il libro sia estremamente attuale anche al giorno d’oggi.

 

Esistenzialista e filosofeggiante, a volte forse un tantino contorto, un libro da leggere assolutamente, che vi lascerà a bocca aperta dalla prima all’ultima riga.

Trama 8

Personaggi 9

Ritmo 9

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...